mercoledì 4 settembre 2013

L’aperitivo di mio suocero



Dovete sapere che i miei suoceri vivono a Noto, meravigliosa città barocca patrimonio  dell’Unesco, in una splendida campagna dove la terra regala mille delizie.
Nespole, uva, fichi, noci, carrubi, ulivi e alberi di mandorle. Avendo a diposizione tantissime mandorle, in famiglia ne facciamo largo uso, soprattutto, in cucina.
Sono tre le varietà coltivate nelle campagne di Noto: Romana, Pizzuta d’Avola e Fascionello.
La ricetta che vi propongo è l’aperitivo che prepara sempre mio suocero per i pranzi in famiglia, semplicissimo e buonissimo, non smetterete di mangiare!!!!



Ingredienti:


  • 500 kg di Mandorle Pizzuta d’Avola
  • Qb olio evo
  • Qb sale

Per prima cosa togliete la pellicina dalle mandorle. Mettete le mandorle in acqua bollente per un paio di minuti, poi le schiacciate da un lato  e la mandorla schizzerà via da dentro la pellicina.
Dopo aver spellato tutte le mandorle, adagiatele in una leccarda da forno rivestita con carta forno e tostatele.
Cuocete in forno a 200°, precedentemente preriscaldato, per 5/10 minuti. Controllate finché diventano appena dorate.
Fate raffreddare, condite con olio evo e sale.